Le progettualità di Diapason Consortium 

Qui di seguito vengono presentate le più significative


 

L'evoluzione del progetto "Il Cuore del Po" in chiave export 4.0 si articola nelle seguenti azioni:

1. Check-up preliminare sull’impresa e sulla iniziativa specifica (due diligence)

2. Verifica e analisi dei mercati esteri di interesse: rispetto alle aree geografiche di intervento (Germania, Svizzera, Russia) è stato condotto un approfondimento sulla coerenza dell’offerta del paniere (prevalentemente agro – alimentare) rispetto al canale distributivo di riferimento (promo commercializzazione turistica);

3. Assistenza nella definizione di una strategia di entrata nei Paesi di interesse;

4. Selezione e contatti di Tour operator italiani che effettuano incoming dai paesi di interesse con conseguente stupula di un accordo con due partner per l’anno 2020.;

5. Sviluppo della piattaforma: il Centro Ricerche ha condotto una verifica funzionale del CMS attualmente in uso presso il consorzio e ne ha effettuato un tuning;

6. Assistenza organizzativa ed operativa.

Il presente progetto è stato selezionato da Regione Lombardia e UnionCamere Lombardia a valere sul “BANDO EXPORT 4.0 – Commercio digitale e fiere: nuovi mercati per le imprese lombarde”.

      

 

Il progetto "Piano organizzativo IX PQ UE 2021-2027" prende le proprie mosse dal consolidamento, da parte di Diapason Consortium, in concomitanza con l'VIII PQ UE (Horizon 2020), del proprio impianto di servizio presso i consorziati in chiave di sviluppo territoriale. Poiché si è resa necessaria una analisi degli attuali asset consortili alla luce delle direttive preannunciate per il prossimo programma quadro dell'Unione Europea (2021-2027) è stato richiesto all'Innovation Manager Dott. Antonio Bologna di effettuare una Due Diligence sulla situazione attuale, di disegnare un nuovo modello organizzativo per la gestione delle progettualità delle imprese consorziate in chiave digital e di individuare inoltre un tema scientifico strategico sul quale il consorzio possa attivare un percorso di specializzazione in modo da rafforzare l'identità e l'autorevolezza del consorzio stesso nel prossimo settenio.

Il progetto è stato selezionato dal MISE - Ministero dello Sviluppo Economico a valere sul Vouche per Consulenza in Innovazione (D.M. 7 maggio 2019, G.U. n. 152 del 1 luglio 2019). 

 

Il progetto “Cultura e Turismo 4.0” vede la Camera di Commercio coinvolgere, per l’A.S. 2019/2020 Diapason Consortium quale tutor in un percorso di formazione e orientamento presso gli Istituti scolastici B. Cairoli e ITIS Caramuel Roncalli con l’obiettivo di trasferire ai giovani la conoscenza del proprio territorio e la presa di coscienza del tessuto produttivo che lo contraddistingue: sovente la Scuola, da sola, non è in grado di trasferire agli studenti la percezione dell’identità imprenditoriale, sociale, storica e culturale del territorio di appartenenza, il quale, così, viene sovente percepito come distante, se non “morto”, pur fervente e ricco dal punto di vista produttivo.

Dopo un modulo comune di base di «Orientamento al lavoro e Cultura d’Impresa», seguirà un focous sul “fare impresa” per poi passare ad una parte più operativa di ricerca dell’idea progettuale da sviluppare, di realizzazione dello studio di fattibilità e di elaborazione di un project work sulla seguenti macroaree: Marketing turistico; Cultura e turismo 4.0; Storytelling.

Seguirà un focus sullo sviluppo delle competenze trasversali spendibili sul mercato del lavoro, dalla  conoscenza di sé e delle proprie attitudini individuali al team building e problem solving.

 

Nell’ambito della Design Week 2020, il progetto Imperfectĭo vuole proporre uno spazio di riflessione sulla complementarietà fra il ruolo del designer e quello dell'artigiano, la quale è in grado di restituire motivazione, senso e valore al manufatto, orientandolo ai contemporanei modelli di consumo e accrescendone la qualità a livello sia di progetto sia di processo.

La prima edizione di Imperfectĭo vede la partecipazione di 6 giovani designer under 35, le cui ricerche - ispirate al concetto di slow design, percepito come necessità di restituire un senso (antropologico, o di forma) agli oggetti domestici - prendono "vita", anche grazie alla collaborazione con selezionati laboratori artigianali, nei manufatti oggetto dell'esposizione finale.

La mostra "Imperfectio" si svolgerà negli spazi del SIAM (Società di Incoraggiamento Arti e Mestieri), in via S. Marta, 18 - Milano. L’occasione è quella della Milano Design Week, evento di risonanza mondiale che attira ogni anno centinaia di migliaia di visitatori.

Il distretto ospitante è 5VIE, uno dei distretti “storici” della Design Week divenuto negli anni un punto di riferimento per gli operatori del settore dell’arte e del design.

Imperfectio, Mostra finale

Milano Design Week, SIAM, Via S. Marta, 18 

    

 

Joomla templates by a4joomla