Serate Musicali: Frei Aber Einsam - Romantici fino al midollo

FAELa X Stagione delle Serate Musicali di Bottega dei Suoni - Diapason Consortium riprende con un appuntamento dedicato alla fase artistica più genuina del romanticismo musicale, quella che ruotava attorno a "Casa Schumann" e che è riassunta dal motto "Frei Aber Einsam: libero ma solo".
 
Con la partecipazione di: Antonio Bologna, Federica Casella, Vassilia Chachlakis, Pirro Gjikondi
 
Domenica 19 Maggio 2024
VIGEVANO (PV) Auditorium San Dionigi 
Piazza Martiri della LIberazione n. 12
 
Primo spettacolo: ore 17:30
Secondo spettacolo: ore 21.00
Dato il numero limitato di posti, si raccomanda la prenotazione.
 
Gli appuntamenti della X Stagione delle Serate Musicali sono offerti dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano nell'ambito del Progetto Mentoring.
Con il patrocinio del Comune di Vigevano
 
 

International Jazz Day: i musicisti ospiti

jazz day postPer iniziativa del pianista e Ambasciatore UNESCO Herbie Hancock, il 30 aprile di ogni anno dal 2011, circa 200 paesi nel mondo rendono onore al genere musicale che più di ogni altro incarna una attitudine, quella di un’espressione musicale che esalta la libertà dentro all’ordine, il gesto personale dentro ad un insieme.
Come negli anni passati, si celebrerà la giornata mondiale del Jazz con una serie ininterrotta di appuntamenti musicali che vedranno la partecipazione di decine di artisti.
 
MUSICISTI OSPITI
18.00 - 20.00
Federico Insoli - Massimo Ronzi - Sara Bologna - Flavio Businelli - Adriano Pozzi - Tino Balsamello - Dragomir Djordjevic - Ivano Bonizzoni - Antonio Bologna
20.00 – 22.00
Tazio Forte - Carola Casoni - Nikola Giarda - Cino Lorenzo Magnaghi - Tito Mangialajo Rantzer - Pasquale Fiore - Federico Lenchi - Matteo Bettani - Andreano Zanini
22.00 – 23.30
Edoardo Loria - Federico Insoli - Marco Germani - Anna campisi - Sofia Bonardi - Diego Di Lorenzo - Alice de Paoli - Flavio Businelli - Riccardo Ferraresi
 
In collaborazione con: International Jazz Day, Unesco, Città di Vigevano, Istituto Musicale Costa, After Life Music Dimension, La Biennale d’Arte di Vigevano
 
30 APRILE 2024
Salone Ridotto del Teatro Cagnoni
VIGEVANO (PV) Corso Vittorio Emanuele II n. 45
 
Presenta: Daniela Ferrari Boschi
Organizzazione a cura di DIAPASON CONSORTIUM
Ingresso libero e gratuito

International Jazz Day

Per iniziativa del pianista e Ambasciatore UNESCO Herbie Hancock, il 30 aprile di ogni anno dal 2011, circa 200 paesi nel mondo rendono onore al genere musicale che più di ogni altro incarna una attitudine, quella di un’espressione musicale che esalta la libertà dentro all’ordine, il gesto personale dentro ad un insieme.

JAZZ DAY PREVIEW - DIAPASON JAZZ E LA BIENNALE D’ARTE SI INCONTRANO
Concerto dalle sonorità jazz e brasiliane con la voce di Selena Galleri accompagnata dal Trio Sdò insieme ai musicisti di Bottega Jazz nella suggestiva cornice delle opere d’arte contemporanea in esposizione nel contesto de La Biennale d’Arte di Vigevano.

SABATO 27 APRILE 2024
VIGEVANO Strada Sotterranea del Castello Sforzesco 

Via Cairoli n. 2
ore 21.00

ACQUISTA QUI IL TUO BIGLIETTO

INTERNATIONAL JAZZ DAY 2024

Con l’evento, dal titolo “Accade anche qui”, anche Diapason Consortium si inserisce nel circuito internazionale di celebrazioni di portata mondiale previste per l'International Jazz Day.

La formula sarà quella della maratona musicale dal vivo presso il Ridotto del Teatro Cagnoni di Vigevano.

Fra i musicisti che si esibiranno, figurano alcuni dei più talentuosi musicisti jazz del territorio, fra gli altri: Tino Balsamello, Carola Casoni, Tazio Forte, Federico Insoli, Edoardo Loria, Cino Lorenzo Magnaghi, Massimo Ronzi.

Inoltre la serata vedrà anche la partecipazione degli allievi dell’Istituto Musicale Costa e della Associazione After Life Music Dimension.
La serata sarà presentata da Daniela Ferrari Boschi.

MARTEDÌ 30 APRILE 2024
VIGEVANO Ridotto del Teatro Cagnoni

Corso Vittorio Emanuele II n. 45
Ingresso libero e gratuito dalle ore 18.00 fino a mezzanotte

AGGIUNGI AL TUO 


Diapason Jazz: un mese di appuntamenti in occasione dell'International Jazz Day

diapason jazz 2024 postCon la rassegna DIAPASON JAZZ , anche Diapason Consortium si inserisce nel circuito internazionale di celebrazioni di portata mondiale previste per l'International Jazz Day 2024.

JAZZ LAB | LABORATORI E ASCOLTI CON APERITIVO | TUTTI I VENERDÌ DALLE ORE 15.00 | PALAZZO MERULA

Noti musicisti del panorama Jazz lavoreranno, come in una vera e propria bottega, con giovani e talentuosi artisti.

Il laboratorio è aperto a tutti gli strumentisti, cantanti e appassionati senza limiti di età, che intendano approfondire il genere musicale del jazz.

Il laboratorio richiede una quota di partecipazione di € 80. Ai primi 20 iscritti la Fondazione Piacenza e Vigevano, Diapason Consortium e Vigevano Web srl, nell’ambito del Programma Mentoring, mettono a disposizione altrettante mini borse di studio a copertura totale del costo di partecipazione. 

Da venerdì 19 Aprile le attività di laboratorio sfoceranno in un aperitivo con ascolti e interventi dal vivo.

Le attvità musicali saranno coordinate da: Francesca Ajmar (voce), Cino Lorenzo Magnaghi (piano), Antonio Bologna (piano), Tito Mangialajo Rantzer (contrabbasso), Matteo Rebulla (batteria), Giulio Buscarino (batteria).

JAZZ LAB: ISCRIVITI QUI 

JAZZ DAY PREVIEW | DIAPASON JAZZ E LA BIENNALE D’ARTE SI INCONTRANO | SABATO 27 APRILE ORE 21.00 | STRADA SOTTERRANEA DEL CASTELLO SFORZESCO

La voce di Selena Galleri e il Trio Sdò si uniscono alle sonorità dei musicisti della “Bottega Jazz” di Diapason Consortium, fra le opere d’arte contemporanea in esposizione nel contesto della Biennale d’Arte.

JAZZ DAY PREVIEW: PREVENDITA BIGLIETTI 

INTERNATIONAL JAZZ DAY | MARATONA MUSICALE | 30 APRILE DALLE ORE 18.00 | SALONE RIDOTTO DEL TEATRO CAGNONI

Per iniziativa del pianista e Ambasciatore UNESCO Herbie Hancock, il 30 aprile di ogni anno dal 2011, circa 200 paesi nel mondo rendono onore al genere musicale che più di ogni altro incarna una attitudine, quella di un’espressione musicale che esalta la libertà dentro all’ordine, il gesto personale dentro ad un insieme.

Come negli anni passati, si celebrerà la giornata mondiale del Jazz con una serie ininterrotta di appuntamenti musicali che vedranno la partecipazione di decine di artisti.

Ingresso libero  


21 Marzo: tutta l'Europa in festa per la Musica Antica

fdmantica postIn occasione della ricorrenza della Festa della Musica Antica (Early Music Day), istituita nel 2013 da REMA (Réseau Européen de Musique Ancienne), in concomitanza con il giorno del compleanno di J. S. Bach, nonché giorno dell’equinozio di primavera, anche Diapason Consortium si unisce ai festeggiamenti che vedono tutta l’Europa celebrare la ricorrenza con decine e decine di eventi.

Con 15 concerti e più di 50 musicisti partecipanti, Diapason Consortium propone una "maratona musicale" dal titolo “Accade anche qui”, a significare non soltanto che anche la Città di Vigevano è inserita nel circuito europeo delle celebrazioni dell’Early Music Day, ma anche che la Musica Antica è un accadimento quanto mai attuale e presente, nonché sorprendente nella sua modernità e varietà.

Il pubblico potrà intrattenersi per tutta la Serata musicale, che vedrà i concerti alternarsi senza soluzione di continuità fino alle 23.30 oppure potrà scegliere di seguire soltanto alcuni dei concerti.

Giovedì 21 Marzo 2024 dalle ore 18.00
Auditorium San Dionigi

VIGEVANO Piazza Martiri della Liberazione n. 12

PRENOTA QUI

SCARICA QUI IL PROGRAMMA

AGGIUNGI AL TUO 

La Festa della Musica Antica si inserisce nella programmazione della X Stagione delle Serate Musicali di Diapason Consortium. 
I Concerti della programmazione delle Serate Musicali sono offerti dalla Fondazione Piacenza e Vigevano nell'ambito del progetto "Mentoring" di Diapason Consortium. 
Con il patrocinio del Comune di Vigevano 
Le Serate Musicali sono supportate da Caffè Diem e Calzoleria Sguazzini

-------------------------------------------------

LA MUSICA ANTICA: UN VERO FATTORE UNIFICANTE DELL’IDENTITÀ EUROPEA

La definizione stessa di "musica antica" risulta oggi quantomeno vaga, quando non volutamente generica: stando alle indicazioni di REMA, si considera "antica" tutta la musica prodotta in Europa fino al 1750, concludendosi quindi con l'Opera di Johann Sebastian Bach.

Si tratta di una definizione assolutamente arbitraria, che tuttavia rende ragione di due fatti.

Il primo è che almeno fino a tutta l'epoca di J. S. Bach, la musica in Europa si è sviluppata linguisticamente in modo straordinariamente unitario, secondo un gusto e un criterio estetico che, al di là delle sfumature delle singole personalità, può essere considerato oggi un vero fattore unificante dell'identità europea.

Il secondo è che fino al crocevia del 1750 il linguaggio musicale ha espresso una libertà e una fantasia tali da risultare successivamente oggetto di una sorta di "contrazione della complessità" alla quale è risultato sempre più drammatico contrapporre nuove soluzioni.

Ecco che quindi la figura di Bach diventa davvero quella di un "genio ricapitolatore", capace ancora oggi di proporre una musica che, pure ancorata saldamente alla tradizione di cui è tributaria, risulta alle orecchie dell'uomo del XXI secolo molto più "moderna" di tanta musica prodotta al giorno d'oggi.

Se dunque siete stufi di ascoltare canzoni in quattro-quarti uniformemente ingessate in strutture regolari di otto battute, se desiderate una boccata d'aria fresca dal punto di vista armonico, che non siano le rigide formule cadenzali di un sistema tonale ormai completamente esausto, vi invitiamo ad una escursione nella musica antica.

Buon viaggio!